MUSICWEED – sounds for the plants

18137039-one-sphere-icon-with-the-flag-of-italy-3d-render

Nel 1973  Dorothy Retallack dimostrava come la musica sia in grado di influire in modo positivo sulla vita delle piante. In “The sound of music and plants” la dottoressa parla di vibrazioni benefiche alla crescita dei vegetali: secondo la scienziata, le onde sonore, se somministrate per un paio d’ore al giorno – rinvigorirebbero e velocizzerebbero il processo di crescita di alberi ed erbe. Abbiamo quindi scoperto che Mozart, Haydn o Beethoven, Dylan, Marley o Morrison non sono curativi solo per l’essere umano.
Anche la voce avrebbe un ruolo fondamentale nel ciclo di crescita del vegetale: “parlate con ciò che seminate!” consiglia Mrs Retallack, e se suona strano non preoccupatevi: il nome di questo blog conferma che il lettore medio – in determinati anfratti della giornata – potrebbe essere incline a discutere con le piante  di propria spontanea volontà…

Coincidenza: nella regione di Gisborne, in Nuova Zelanda, il 22 gennaio 2014 un ragazzo è stato arrestato dalla polizia, per avere coltivato 278 piante di marijuana nella sua abitazione. Il fatto curioso è che Verdun Sturgus Kemp di anni 21 aveva allestito un impianto radio in modo che  trasmettesse musica classica in determinate ore del giorno. Lo scopo? Consentire alle piante una migliore crescita, potenziare al massimo la fioritura. Pare che la “musicoterapia vegetale” o la “musico fertilizzazione” stia prendendo piede tra i coltivatori; non a caso crescono siti dedicati alla “marijuana musicale” , che promettono grandi prestazioni agricole. Aspetteremo risultati concreti per sapere se si tratta di un metodo funzionante, nel frattempo proveremo a imbastire discussioni con cactus, gerani, indica e sativa.

portada01

download (13)

In 1973  Dorothy Retallack has demonstrated how music can change the life of the plants. In some books such as “The sound of music and plants”, the doctor talks about positive vibrations for the herbs: according to scientist, if you give some sound waves to the plant (only for a few hours during the day), it will invigorate, and the growing will be more fast. So Mozart, Haydn, Dylan, Marley or Morrison are curative not only for humans been.
Our voices have also a fundamental role: “You have to talk with what you sow!” , Mrs Dorothy would say, and if it sounds strange, don’t worry: this blog’s name confirms that the reader, that is you, could talk spontaneously with plants.

Coincidence: In Gisborne region, New Zeland, on 22 January 2014 the police has arrested a guy, because of the cultivation of 278 plants of marijuana in his house. Verdun Sturgus Kemp, 21 years old, created a radio able to play music in some hours of the day. The aim? He wanted to let the plant growing fast. So the music-therapy (or music fertilization) is every day more popular for the cultivators. Meanwhile some “musical marijuana” websites is being born – but we have to wait some concrete result to be sure about the functionality of this method; meanwhile we’ll try to talk with our cactus, roses, indicas and sativas…

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s